Cybersecurity

PMI e sicurezza: phishing, malware e trojan nell’infografica di Webroot

Sulla base dell’analisi di 27 miliardi di URL, l’azienda che ha uffici in tutto il mondo, elenca tutte le minacce più rilevanti per le imprese. Tra i pericoli maggiori, le app per telefonino

La probabilità per un utente di incappare in un sito di phishing nel corso del 2015 è stata del 50% (contro il 30% del 2014). Lo dice Webroot, azienda specializzata in sicurezza informatica, i cui uffici, dalla California al Giappone hanno analizzato nel corso dell’anno passato 27 miliardi di URL e più di 600 milioni di domini.

webroot

Secondo il rapportoNext Generation Threats Exposed“, le aziende più colpite dal phishing sono le aziende finanziarie e tecnologiche. Solo per fare un esempio, nel 2015 ci sono stati 83.000 siti che si spacciavano per Google cercando di ottenere le credenziali degli utenti.

E, a dispetto di quello che si potrebbe essere tentati di credere, la “classifica” dei Paesi che ospitano siti di phishing non trova al primo posto “paesi canaglia” come Russia e Cina, ma vede al primo posto gli Stati Uniti, la Germania e il Regno Unito.

infographic-webroot-2016-threat-brief
L’incubo delle APP

Webroot ha analizzato anche lo scenario del mobile, analizzando oltre 10 milioni di App Android nel solo 2015. Le App, successivamente classificate secondo i parametri “buona”, “dannosa”, “a rischio moderato”, “sospetta”, “indesiderata” hanno stupito gli stessi analisti: il 52% di tutte le nuove App sono state categorizzate come indesiderate o dannose, e solo il 18% come buone.

E non finisce qui: la maggior parte delle App risultano essere veicolo di virus Trojan (60%).

E tuttavia nemmeno gli utenti di iOS non possono considerarsi immuni dagli attacchi: la versione Trojan dell’ambiente di sviluppo Xcode, per esempio, ha infettato 2 milioni di utenti iOS.

Secondo Claudio Panerai, CTO di Achab, azienda italiana partner di Webroot: “Dallo studio emerge che molti attacchi vengono creati, eseguiti e conclusi nel giro di qualche ora e in alcuni casi anche nel giro di pochi minuti. Minuti che bastano per raccogliere credenziali, informazioni personali, crittografare i dati, recuperare informazioni “finanziarie” per accedere a sistemi di internet banking. Contrastare questo tipo di attacchi richiede un approccio innovativo perché è necessario mettere a punto un sistema intelligente a prova di hacker” .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashape, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup