Privacy

La NSA adesso sorveglia gli utenti Linux e chi protegge la propria privacy online

Grazie a una serie di leaks, la televisione tedesca ARD ha scoperto che gli americani tracciano e controllano chiunque cerchi “Linux”, “Tor”, “Tails”, “Privacy” e ne discuta in rete

Bollati come estremisti e poi sorvegliati da vicino. È soltanto grazie alle informazioni trapelate di nascosto che si è scoperto come la potente National Security Agency abbia deciso di tenere sotto stretta sorveglianza la comunità Linux e in particolare gli utilizzatori di Tor e di Tails.

linux_tor
Per farlo, l’agenzia spionistica con sede a Fort Meade nel Maryland (USA), avrebbe usato XKeyscore, un software per la Deep Packet Inspection. Decidendo poi di estendere il programma alla sorveglianza di tutti gli appasionati di privacy.

Cosa fa il programma XKeyscore della NSA

Il programma di sorveglianza, rivelato dal whistleblower Edward Snowden nel 2013 è stato studiato dagli esperti del Tor project e altri specialisti in sicurezza della radiotelevisione tedesca ARD, che hanno scoperto due Directory Authority Tor in Germania, a Norimberga e Berlino, sotto sorveglianza.

Il programma identifica e traccia gli indirizzi IP di chiunque cerchi le parole tails, Amnesiac Incognito Live System o linux, USB, secure desktop, IRC, truecrypt o semplicemente Tor.

E tra i documenti oggetto dell’indagine dei giornalisti tedeschi emerge che il personale della Nsa si riferiva alla distribuzione Linux Tails come a un “sistema di comunicazione consigliato dagli estremisti in forum di estremisti”

XKeyscore_presentation_from_2008.pdf

Insieme al server Tor di Norimberga il programma di sorveglianza aveva come bersaglio il sito del Linux Journal, privacy.li, FreeProxies.org, MegaProxy, FreeNet e MixMinion, un servizio per email anonime.
La Nsa non ha voluto commentare ma ha diramato un comunicato dove legittima il proprio “lavoro” di sorveglianza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cashless, in Europa e Stati Uniti pronti a vivere senza contanti. Ma privacy e sicurezza frenano

Secondo l’ING’s International Survey Mobile Banking 2017 più di 2/3 dei consumatori europei e americani sarebbero pronti al cashless. In Turchia, Italia e Polonia più del 40% ha dichiarato di essere pronto a farlo

Cos’è l’African Summer School, la scuola di startup italo-africane nata a Verona | Intervista

Dal 24 al 30 luglio a Villa Buri la 5^ edizione dell’iniziativa in collaborazione con il Business Incubator for Africa. La testimonianza del Direttore, Fortuna Ekutsu Mambulu. E di Andrea Casale, tra i fondatori di “Serviettes Ingabire” (progetto vincitore dell’edizione 2016)

Il primo viaggio dell’automobile volante del papà di Google

Kitty Hawk è stata sviluppata in Silicon Valley ed è un veicolo completamente elettrico in grado di muoversi per il momento solo sull’acqua per motivi di sicurezza. Presto potrebbe aiutare a superare il problema della congestione del traffico cittadino

Accordo tra Colombini e la startup Sweetguest per arredare le case in affitto

L’azienda di arredamento sceglie il progetto di Rocco Lomazzi ed Edoardo Grattirola che rende l’immobile performante, mette in risalto i punti di forza della casa, si occupa della gestione del check in e anche dei lavori di manutenzione