Virus

Cryptodrop blocca i ransomware di Windows (ma ha imparato da Linux)

Un sistema elaborato da quattro ricercatori americani è riuscito a individuare 492 tipi di ransomware sulla stessa piattaforma bloccandoli. È un nuovo approccio alla sicurezza informatica

Gli attacchi via ransomware potrebbero avere i giorni contati seguendo un approccio diverso da quello degli antivirus classici. Questa è la convinzione di un quartetto di ricercatori dell’Università della Florida e dell’Università cattolica di Villanova in Pennsylvania che ha elaborato, grazie a uno studio parzialmente finanziato dalla National Science Foundation, un sistema matematico in grado di stoppare i ransomware prima della cifratura dei file bersaglio.

Scaife-and-Traynor_univ-florida

Ransomware da 5 mila dollari e Cryptodrop

I ransomware, è bene ricordarlo, sono dei virus in grado di infettare il computer ospite e di cifrare i file in esso contenuti con una chiave crittografica nota solo all’attaccante che per decifrare i file chiede il pagamento di un riscatto.
Un problema molto serio per singoli utenti e aziende di ogni calibro, visto che il riscatto, dai 300 ai 700 dollari, può arrivare a 16 bitcoin o 5 mila dollari per computer come nel caso della minaccia conosciuta come “7ev3n-HONE$T”.

Cryptodrop, questo il nome della soluzione anti-ransomware dei ricercatori, è stato presentato a un simposio scientifico alcune settimane fa in Giappone e funzionerebbe come Cryptostalker, un software inizialmente pensato solo per Linux, in grado di individuare il “rapimento” dei file mentre accade.

Una serie di indicatori matematici è infatti in grado di dire al prototipo, finora testato solo su Windows, se il computer sta modificando un elevato numero di file, bloccando l’intero processo e salvaguardando la stragrande maggioranza dei file del computer sotto attacco.

Cryptodrop quindi non rimuove né decritta i file sequestrati, ma blocca il ransomware.

Il suo funzionamento si basa su di un approccio datacentrico che punta a minimizzare le perdite basandosi sulla capacità di individuare il comportamento delle varie tipologie di ransomware che modificano i file, li aprono, li cifrano, li rinominano e e li spostano all’interno dello stesso disco in una diversa directory e con un nome diverso. Quando alcuni degli indicatori di tali comportamenti compaiono insieme Cryptodrop lancia un avvertimento e blocca le operazioni in corso. A quel punto dovrebbe essere sufficiente lanciare un buon antivirus e mettere in quarantena o eliminare il virus.

Il sistema è stato testato su 492 varianti di ransomware e ha funzionato nel 100% dei casi con una perdita di file pari al 0.2% del totale.

Anche Cryptodrop può sbagliare

L’unico problema sarebbero i falsi positivi: Cryptodrop non è in grado attualmente di capire se la cifratura dei file sia opera del loro legittimo utilizzatore o di un software sgradito. Essendo poco diffusa l’abitudine di cifrare i propri file il problema è tuttavia considerato secondario, ma Cryptodrop potrebbe entrare in funzione anche se si lanciasse PGP o GPG per cifrare il set di dati da allegare a un’email.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai banchi di scuola al pitch. I finalisti del progetto “A Scuola di Startup” a DigithON 2017

Il progetto realizzato da AuLab ha coinvolto per il terzo anno consecutivo studenti delle scuole secondarie superiori. Il team vincitore sarà premiato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Bari e Bat. Abbiamo intervistato Davide Neve, CEO di AuLab

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito