Cybersecurity

Ransomware e furti di identità: perchè la tua sicurezza online non è un optional

Ricatti, phishing, social engineering e password banali: ecco i rischi e i rimedi per evitare guai in rete

Aumentando le attività e il numero di persone online, aumenta anche la platea di vittime potenziali di criminali che a partire da un profilo Facebook possono ricavare un’email personale a cui mandare virus sotto forma di documenti allegati che una volta aperti si installano nel computer e lo prendono in ostaggio fino al pagamento del riscatto. Oppure lo trasformano in un computer zombie da risvegliare per operare attacchi su larga scala (DDoS, Distributed Denial of Service) a siti governativi e commerciali a nostra insaputa.

Ransomware

Lo stesso avviene con i profili sui social. A partire dal nome della vittima prescelta o dalla sua email, con software appositi si può provare a generare la password per impossessarsene e usare l’account per compiere varie operazioni che possono metterci nei guai.

Social Engineering

Una volta che si ottiene il nome, l’email e la pwd, è relativamente facile risalire a una serie di dati come il codice fiscale, la residenza, eccetera.

È un’escalation della raccolta di informazioni che, usando le logiche del social engineering consentono di sostituirsi alle identità dei proprietari e svolgere operazioni di natura bancaria o commerciale. Pensate solo al fatto che per accedere e resettare un servizio online in genere è sufficiente mandare una email di richiesta al gestore che nel giro di pochi secondi può inviare alla “vostra” mailbox, in maniera automatica, le password e i dati necessari a usarlo liberamente.

Per questo il nostro sé digitale va protetto e non è un caso che la stessa email vada considerata come un dato personale che gode di particolare protezione nella disciplina della privacy di quasi tutti i paesi.

Continua a leggere su Chefuturo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aumento di capitale per Satispay, già raccolti 14 milioni. Obiettivo: mercato estero

Risorse da record per la startup italiana dei pagamenti digitali fondata da Alberto Dalmasso, Dario Brignone e Samuele Pinta. I fondi raccolti saranno destinati all’internazionalizzazione del prodotto. A partire dalla Germania

Chi compra l’usato guadagna 900 euro all’anno. Intervista alla CEO di Subito.it

Secondo l’Osservatorio 2016 Second Hand Economy condotto da DOXA, la compravendita dell’usato cresce di €1 miliardo nel 2016 e ora vale l’1,1% del PIL. Abbiamo sentito Melany Libraro per capire come cambiano le abitudini degli italiani

La centrifuga di Iscleanair ripulisce l’aria dagli inquinanti senza usare filtri

La scaleup, che è inserita nel programma di accelerazione Eit Digital, propone un dispositivo in grado di migliorare la qualità degli ambienti interni ed esterni, sfruttando l’abbattimento in acqua. La sua soluzione può aiutare anche la rigenerazione urbana

Quanto sono sicuri i tuoi sistemi? Ecco cosa ci dice il rapporto Verizon sulle violazioni informatiche

Ransomware e phishing sono in aumento, i settori finanziario e sanitario tra i più colpiti, ma anche le piccole imprese non stanno tranquille. Entusiasmo, distrazione, curiosità e incertezza sono i cavalli di Troia