Cybersecurity

Ransomware e furti di identità: perchè la tua sicurezza online non è un optional

Ricatti, phishing, social engineering e password banali: ecco i rischi e i rimedi per evitare guai in rete

Aumentando le attività e il numero di persone online, aumenta anche la platea di vittime potenziali di criminali che a partire da un profilo Facebook possono ricavare un’email personale a cui mandare virus sotto forma di documenti allegati che una volta aperti si installano nel computer e lo prendono in ostaggio fino al pagamento del riscatto. Oppure lo trasformano in un computer zombie da risvegliare per operare attacchi su larga scala (DDoS, Distributed Denial of Service) a siti governativi e commerciali a nostra insaputa.

Ransomware

Lo stesso avviene con i profili sui social. A partire dal nome della vittima prescelta o dalla sua email, con software appositi si può provare a generare la password per impossessarsene e usare l’account per compiere varie operazioni che possono metterci nei guai.

Social Engineering

Una volta che si ottiene il nome, l’email e la pwd, è relativamente facile risalire a una serie di dati come il codice fiscale, la residenza, eccetera.

È un’escalation della raccolta di informazioni che, usando le logiche del social engineering consentono di sostituirsi alle identità dei proprietari e svolgere operazioni di natura bancaria o commerciale. Pensate solo al fatto che per accedere e resettare un servizio online in genere è sufficiente mandare una email di richiesta al gestore che nel giro di pochi secondi può inviare alla “vostra” mailbox, in maniera automatica, le password e i dati necessari a usarlo liberamente.

Per questo il nostro sé digitale va protetto e non è un caso che la stessa email vada considerata come un dato personale che gode di particolare protezione nella disciplina della privacy di quasi tutti i paesi.

Continua a leggere su Chefuturo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashape, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup