Cybersecurity

Ransomware e furti di identità: perchè la tua sicurezza online non è un optional

Ricatti, phishing, social engineering e password banali: ecco i rischi e i rimedi per evitare guai in rete

Aumentando le attività e il numero di persone online, aumenta anche la platea di vittime potenziali di criminali che a partire da un profilo Facebook possono ricavare un’email personale a cui mandare virus sotto forma di documenti allegati che una volta aperti si installano nel computer e lo prendono in ostaggio fino al pagamento del riscatto. Oppure lo trasformano in un computer zombie da risvegliare per operare attacchi su larga scala (DDoS, Distributed Denial of Service) a siti governativi e commerciali a nostra insaputa.

Ransomware

Lo stesso avviene con i profili sui social. A partire dal nome della vittima prescelta o dalla sua email, con software appositi si può provare a generare la password per impossessarsene e usare l’account per compiere varie operazioni che possono metterci nei guai.

Social Engineering

Una volta che si ottiene il nome, l’email e la pwd, è relativamente facile risalire a una serie di dati come il codice fiscale, la residenza, eccetera.

È un’escalation della raccolta di informazioni che, usando le logiche del social engineering consentono di sostituirsi alle identità dei proprietari e svolgere operazioni di natura bancaria o commerciale. Pensate solo al fatto che per accedere e resettare un servizio online in genere è sufficiente mandare una email di richiesta al gestore che nel giro di pochi secondi può inviare alla “vostra” mailbox, in maniera automatica, le password e i dati necessari a usarlo liberamente.

Per questo il nostro sé digitale va protetto e non è un caso che la stessa email vada considerata come un dato personale che gode di particolare protezione nella disciplina della privacy di quasi tutti i paesi.

Continua a leggere su Chefuturo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chi sono e che fanno Busrapido e le altre startup premiate a Digithon

Dopo quattro giornate di dibattiti e la presentazione di 100 pitch, la seconda edizione di Digithon si è chiusa con la proclamazione dei team vincitori. Sul podio Busrapido, piattaforma per la prenotazione di autobus con conducente, di cui ci parla il CEO Roberto Ricci

Prime Wardrobe, il servizio di Amazon che permette di provare gli abiti prima di acquistarli

Il nuovo servizio di abbigliamento Prime Wardrobe, è un try-before-you-buy. Disponibile solo per i clienti Amazon Prime consentirà di scegliere in un catalogo di un milione di pezzi i vestiti e le scarpe più adatti, senza essere obbligati ad acquistare ciò che si ordina