News

NTT Data annuncia altre 300 assunzioni nei suoi centri di sviluppo di Cosenza e Napoli

In Calabria la multinazionale della cybersecurity ha in programma il raddoppio della forza lavoro, con l’assunzione di 150 persone. In progetto anche 150 assunzioni a Napoli

L’obiettivo è trasformare Cosenza in un polo europeo dedicato alla cybersecurity. Con 250 assunzioni ha già quasi portato a termine il piano di impiego di 300 persone previsto nel 2016. Dopo Apple, che ha scelto Napoli per il suo primo centro di formazione in Europa, anche il colosso giapponese NTT Data (80 mila dipendenti in 40 paesi, 14 miliardi di Euro di fatturato) sceglie l’Italia. Più nel dettaglio, sceglie Cosenza (insieme a Tokio e alla Silicon valley uno dei 3 centri di ricerca e sviluppo) e ha deciso di investire in Calabria 5 milioni di Euro. Nel dettaglio, a Cosenza, NTT Data ha in programma il raddoppio della forza lavoro, con l’assunzione, nel corso del prossimo anno, di 150 persone. Che figure si cercano? Personale specializzato in soluzioni legate alla sicurezza informatica. Non solo a Cosenza. La multinazionale giapponese ha in progetto anche 150 assunzioni a Napoli. Insomma, sono 300 le posizioni aperte entro il 2017.

Leggi anche: A Cosenza il primo distretto tecnologico italiano di cyber security (nato dal sogno di 3 ragazzi)

 

Ntt Data Italia

Ntt Data Italia

NTT Data Italia: 8 città, 2600 professionisti

NTT Data Italia fornisce piattaforme software e sistemi di cybersecurity a banche, Telco, PA (160 clienti), è presente nel nostro Paese dal 2011 (ha sedi a Milano, Roma, Cosenza, Torino, Pisa, Treviso, Genova, Napoli, impiega 2600 professionisti, con 262 milioni di euro di ricavi). E’ guidata da Walter Ruffinoni dalla metà del 2013. «Siamo molto orgogliosi di contribuire alla crescita del nostro paese – ha dichiarato proprio Walter Ruffinoni – e specialmente delle nostre già avviate realtà di Cosenza e Napoli, uno sviluppo generato del lavoro e dell’impegno di tutti i nostri dipendenti italiani, che in questi anni hanno consentito al Gruppo di raggiungere risultati importanti in termini economici e di performance. Il settore della CyberSecurity nei prossimi anni sarà al centro dell’innovazione tecnologica e noi vogliamo essere leader di questa crescita».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Exit per Tilt, l’app di social payment comprata da Airbnb per 12 milioni

Airbnb ha versato 12 milioni in cash nelle casse startup che facilita lo scambio di soldi tra persone via mobile, ma tra decine in bonus per i fonunders e scambi di quote l’ammontare totale dell’operazione ammonterebbe a 60 milioni

«Più sei popolare su Facebook più ti facciamo risparmiare su quello che compri»

Il potere degli influencer applicato all’eCommerce: fare un post su Facebook dicendo cosa compri può valere dai 5 ai 10 euro. E’ l’algoritmo della startup italiana Worldz. Dopo il round da 150K abbiamo intervistato il founder e Ceo, Joshua Priore

Disney ha acquisito MakieLab, la startup della prima bambola stampata in 3D

MakieLab dal 2012 produce giocattoli con la fabbricazione digitale. La famosa casa di intrattenimento per bambini l’aveva già accolta nel suo programma di accelerazione nel 2015 e ora ne assorbirà tecnologia e piattaforma

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era