News

NTT Data annuncia altre 300 assunzioni nei suoi centri di sviluppo di Cosenza e Napoli

In Calabria la multinazionale della cybersecurity ha in programma il raddoppio della forza lavoro, con l’assunzione di 150 persone. In progetto anche 150 assunzioni a Napoli

L’obiettivo è trasformare Cosenza in un polo europeo dedicato alla cybersecurity. Con 250 assunzioni ha già quasi portato a termine il piano di impiego di 300 persone previsto nel 2016. Dopo Apple, che ha scelto Napoli per il suo primo centro di formazione in Europa, anche il colosso giapponese NTT Data (80 mila dipendenti in 40 paesi, 14 miliardi di Euro di fatturato) sceglie l’Italia. Più nel dettaglio, sceglie Cosenza (insieme a Tokio e alla Silicon valley uno dei 3 centri di ricerca e sviluppo) e ha deciso di investire in Calabria 5 milioni di Euro. Nel dettaglio, a Cosenza, NTT Data ha in programma il raddoppio della forza lavoro, con l’assunzione, nel corso del prossimo anno, di 150 persone. Che figure si cercano? Personale specializzato in soluzioni legate alla sicurezza informatica. Non solo a Cosenza. La multinazionale giapponese ha in progetto anche 150 assunzioni a Napoli. Insomma, sono 300 le posizioni aperte entro il 2017.

Leggi anche: A Cosenza il primo distretto tecnologico italiano di cyber security (nato dal sogno di 3 ragazzi)

 

Ntt Data Italia

Ntt Data Italia

NTT Data Italia: 8 città, 2600 professionisti

NTT Data Italia fornisce piattaforme software e sistemi di cybersecurity a banche, Telco, PA (160 clienti), è presente nel nostro Paese dal 2011 (ha sedi a Milano, Roma, Cosenza, Torino, Pisa, Treviso, Genova, Napoli, impiega 2600 professionisti, con 262 milioni di euro di ricavi). E’ guidata da Walter Ruffinoni dalla metà del 2013. «Siamo molto orgogliosi di contribuire alla crescita del nostro paese – ha dichiarato proprio Walter Ruffinoni – e specialmente delle nostre già avviate realtà di Cosenza e Napoli, uno sviluppo generato del lavoro e dell’impegno di tutti i nostri dipendenti italiani, che in questi anni hanno consentito al Gruppo di raggiungere risultati importanti in termini economici e di performance. Il settore della CyberSecurity nei prossimi anni sarà al centro dell’innovazione tecnologica e noi vogliamo essere leader di questa crescita».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai banchi di scuola al pitch. I finalisti del progetto “A Scuola di Startup” a DigithON 2017

Il progetto realizzato da AuLab ha coinvolto per il terzo anno consecutivo studenti delle scuole secondarie superiori. Il team vincitore sarà premiato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Bari e Bat. Abbiamo intervistato Davide Neve, CEO di AuLab

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito