Video

“Siamo sotto attacco, bisogna cambiare approccio”. Video-intervista al CEO di NTT DATA Italia

In questa breve intervista Walter Ruffinoni racconta i pericoli del cybercrime e invita le aziende a fare sistema e denunciare il milione di attacchi quotidiani

“SIamo sotto attacco, bisogna cambiare approccio”. Con questa frase comincia l’intervista di Walter Ruffinoni, Ceo di NTT DATA Italia, interpellato sui temi della sicurezza e dell’evoluzione della minaccia informatica nel nostro paese. Intervenuto durante EYCapri, nell’intervista parla degli attacchi a banche e stati nazione ben organizzati e tecnologicamente avanzati portati da criminali di tutto il mondo. Rivolto alle aziende, dice: “Le minacce sono diffuse, frequenti e ripetute. Bisogna denunciare gli attacchi e non vergognarsene.” E fa un appello a tutti: “Occorre fare sistema e collaborare.”

Leggi anche: “Cybersecurity, investiamo in talento e innovazione”. Intervista a Walter Ruffinoni di NTT DATA

Intervista a Walter Ruffinoni, CEO, NTT Data Italia. Capri, 6 e 7 ottobre 2016

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti