Video

TOR, per confondersi tra la folla online. Ecco come funziona in un breve video

Per garantire la privacy e l’anonimato, ma anche per contrastare la censura, gli obiettivi del progetto Tor, spiegati in maniera semplice

TOR, The Onion Router, è un sistema di comunicazione anonima per Internet basato sulla seconda generazione del protocollo di rete di onion routing.

TOR riesce ad anonimizzare i suoi utilizzatori perché impedisce l’analisi del traffico delle comunicazioni via internet, dal web surfing alle chat, proprio attraverso una rete di computer intermedi tra il client dell’utente e il server cercato, i cosidetti onion router, gestiti da volontari.

Grazie a TOR i dati trasmessi in rete sono protetti da tre strati successivi di crittografia, come una cipolla: da qui il nome del progetto: onion in inglese vuol dire cipolla.

TOR in video

In questo video in un inglese accessibile possiamo capire come TOR riesce a garantire privacy e anonimato e la soluzione ai sempre più frequenti problemi di censura in tutto il mondo.

Confondersi tra la folla e non farsi spiare è facile usando Tor. Si può scaricare TOR dal sito della Fondazione che ne gestisce lo sviluppo e imparare a usarlo in pochi minuti grazie all’interfaccia grafica disponibile per ogni tipo di piattaforma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashape, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup