News

Privacy Shield: Il Garante italiano autorizza il trasferimento dei dati negli Usa

Le imprese italiane potranno trasferire informazioni personali verso le aziende USA che hanno aderito o aderiranno al “Privacy Shield” ma solo se garantiscono un adeguato livello di protezione

Società multinazionali e imprese italiane potranno trasferire i dati personali verso le aziende presenti negli Stati Uniti che hanno aderito o aderiranno al cosiddetto “Privacy Shield”.

privacy_shield

Il Garante per la privacy ha infatti autorizzato i trasferimenti di dati personali oltreoceano in base al nuovo accordo siglato tra Ue e Usa.

L’odierna autorizzazione del Garante sostituisce quella decaduta il 22 ottobre 2015, che regolava il trasferimento dei dati verso gli Stati Uniti sulla base dell’accordo  “Safe Harbor”, dichiarato invalido dalla sentenza Schrems della Corte di Giustizia dell’Unione Europea.

Con questa autorizzazione, che sarà pubblicata domani in Gazzetta Ufficiale, l’Italia si conforma alla recente decisione della Commissione europea che ha riconosciuto all’Accordo denominato “EU-U.S. Privacy Shield” un livello adeguato di protezione dei dati personali trasferiti dall’Unione europea ad organizzazioni residenti negli Stati Uniti che si autocertificano nel sistema.

L’Autorità italiana si è comunque riservata di effettuare in qualsiasi momento controlli per verificare la liceità e la correttezza del trasferimento dei dati e di ogni operazione ad essi inerente, nonché di adottare, se necessario, i provvedimenti previsti dal Codice privacy.

La Commissione, da parte sua,  sottoporrà  a monitoraggio  il funzionamento dello “Scudo” per verificare se gli Stati Uniti continuino a garantire un livello di protezione adeguato ai dati personali trasferiti dall’Unione europea.
Le verifiche avverranno a cadenza annuale, mentre una, in particolare, è prevista a seguito dell’entrata in vigore del Regolamento sulla protezione dei dati.

Fonte: Garante per la protezione dei dati personali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cashless, in Europa e Stati Uniti pronti a vivere senza contanti. Ma privacy e sicurezza frenano

Secondo l’ING’s International Survey Mobile Banking 2017 più di 2/3 dei consumatori europei e americani sarebbero pronti al cashless. In Turchia, Italia e Polonia più del 40% ha dichiarato di essere pronto a farlo

Cos’è l’African Summer School, la scuola di startup italo-africane nata a Verona | Intervista

Dal 24 al 30 luglio a Villa Buri la 5^ edizione dell’iniziativa in collaborazione con il Business Incubator for Africa. La testimonianza del Direttore, Fortuna Ekutsu Mambulu. E di Andrea Casale, tra i fondatori di “Serviettes Ingabire” (progetto vincitore dell’edizione 2016)

Il primo viaggio dell’automobile volante del papà di Google

Kitty Hawk è stata sviluppata in Silicon Valley ed è un veicolo completamente elettrico in grado di muoversi per il momento solo sull’acqua per motivi di sicurezza. Presto potrebbe aiutare a superare il problema della congestione del traffico cittadino

Accordo tra Colombini e la startup Sweetguest per arredare le case in affitto

L’azienda di arredamento sceglie il progetto di Rocco Lomazzi ed Edoardo Grattirola che rende l’immobile performante, mette in risalto i punti di forza della casa, si occupa della gestione del check in e anche dei lavori di manutenzione