Trojan

Non cliccate su quell’immagine di Facebook, è un virus

Il computer emergency Response Team italiano avverte tutti gli utenti di messaggi Facebook malevoli sotto forma di un file “.svg”

Fonte: Cert Nazionale

Secondo quanto riportato da un ricercatore di sicurezza indipendente, è stato individuato un malware contenuto in un file immagine in formato SVG diffuso mediante messaggi inviati automaticamente da account Facebook compromessi.

Il file SVG malevolo contiene codice JavaScript altamente offuscato che, se eseguito nel browser, redirige l’utente verso un falso sito YouTube contenente un video da Facebook che richiede per essere visualizzato l’installazione di un’estensione di Google Chrome chiamata “One” (vedi immagine).

Falso sito YouTube

Questo plugin può leggere e modificare i dati dell’utente sui siti che visita ed è responsabile dell’invio dei messaggi Facebook malevoli. Non è chiaro se questa estensione possa o meno scaricare altro malware sul computer della vittima.

È stata anche individuata una variante del file SVG malevolo che contiene al suo interno il noto trojandownloaderNemucod, che a sua volta scarica il ransomwareLocky sul computer della vittima.

Gli utenti che avessero incautamente installato l’estensione di Chrome malevola debbono rimuoverla immediatamente dal browser. Si raccomanda inoltre a costoro di avvertire i propri contatti Facebook di non aprire per nessun motivo un file “.svg” apparentemente inviato dal proprio account in quanto contenente un virus.

Fonte: Cert Nazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Alla scoperta delle frontiere digitali della didattica: il 5 maggio c’è l’Edu Day a L’Aquila

Si terrà in Abruzzo la seconda edizione dell’Edu Day di Microsoft, una giornata di formazione e informazione dedicata a insegnanti, animatori digitali e dirigenti scolastici sulle nuove tecnologie digitali per la didattica

Un metodo per stampare in 3D con la polvere di Marte

L’idea quasi fantascientifica della colonizzazione dello spazio ha ispirato i ricercatori della Northwestern University che hanno pensato a un modo per realizzare strumenti necessari alla vita umana con la fabbricazione digitale sfruttando le risorse del suolo extraterrestre

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.