Trojan

Non cliccate su quell’immagine di Facebook, è un virus

Il computer emergency Response Team italiano avverte tutti gli utenti di messaggi Facebook malevoli sotto forma di un file “.svg”

Fonte: Cert Nazionale

Secondo quanto riportato da un ricercatore di sicurezza indipendente, è stato individuato un malware contenuto in un file immagine in formato SVG diffuso mediante messaggi inviati automaticamente da account Facebook compromessi.

Il file SVG malevolo contiene codice JavaScript altamente offuscato che, se eseguito nel browser, redirige l’utente verso un falso sito YouTube contenente un video da Facebook che richiede per essere visualizzato l’installazione di un’estensione di Google Chrome chiamata “One” (vedi immagine).

Falso sito YouTube

Questo plugin può leggere e modificare i dati dell’utente sui siti che visita ed è responsabile dell’invio dei messaggi Facebook malevoli. Non è chiaro se questa estensione possa o meno scaricare altro malware sul computer della vittima.

È stata anche individuata una variante del file SVG malevolo che contiene al suo interno il noto trojandownloaderNemucod, che a sua volta scarica il ransomwareLocky sul computer della vittima.

Gli utenti che avessero incautamente installato l’estensione di Chrome malevola debbono rimuoverla immediatamente dal browser. Si raccomanda inoltre a costoro di avvertire i propri contatti Facebook di non aprire per nessun motivo un file “.svg” apparentemente inviato dal proprio account in quanto contenente un virus.

Fonte: Cert Nazionale

Road to #SIOS17 | Musement: ecco come quattro italiani hanno ripensato al modo di fare vacanza

Tre amici e un’intuizione geniale: storia della startup italiana che ripensa le esperienze di viaggio. In attesa del nuovo StartupItalia! Open Summit di dicembre 2017 intervista a Claudio Bellinzona di Musement, una delle dieci startup finaliste dell’ultimo SIOS

La nuova sneaker di Vivobarefoot è fatta solo con le alghe

L’azienda britannica è pronta a lanciare sul mercato delle calzature anfibie in collaborazione con Bloom Foam. Sono le prime al mondo prodotte a partire dalla vegetazione delle acque inquinate

NotPetya: quando un solo malware è responsabile di miliardi di perdite. I numeri rivelati dalle aziende

I dati pubblicati delle aziende nei rapporti periodici forniscono informazioni sull’impatto del malware. AP Moller-Maersk ha annunciato che l’attacco ha causato perdite per almeno 200 milioni di dollari