News

Cyberchallenge a Roma: una gara per scovare i nuovi talenti della cybersecurity

Formazione, pratica e gara finale: da lunedì 5 dicembre è possibile registrarci per partecipare alla sfida

‘Scovare’ il talento informatico nascosto nei giovani italiani e contribuire così a colmare il gap di esperti del settore è il principale obiettivo di CyberChallenge.IT, nuovo progetto organizzato dal Centro di Ricerca di Cyber Intelligence e Information Security dell’Università La Sapienza.

cyberchallenge

L’evento, che conta sul patrocinio del Laboratorio Nazionale di Cybersecurity del CINI e sulla la partecipazione di IBM Italia e Cisco Research come partner industriali, è destinato a una fascia d’età compresa tra i 18 e i 23 anni.
La prima edizione, spiega una nota, si svolgerà presso l’ateneo romano da marzo a maggio 2017 dopo una selezione.

Cyberchallenge: le registrazioni dal 5 dicembre

I partecipanti saranno seguiti da esperti universitari e da aziende del settore che li introdurranno ai princìpi tecnici, scientifici ed etici della cybersecurity con attività pratiche e una gara finale, primo passo verso le gare europee e una possibile carriera nell’ambito della sicurezza informatica.

Le registrazioni sono aperte dal 5 dicembre al 25 gennaio e il test di selezione verrà somministrato il 3 febbraio presso le strutture della Sapienza.

Per Camil Demetrescu, coordinatore dell’iniziativa e professore di Ingegneria Informatica presso l’Università di Roma La Sapienza, “CyberChallenge.IT è un’occasione unica per i giovani appassionati di informatica. Ci aspettiamo solo che siano curiosi, dinamici e ottimi programmatori. Tutto il resto lo impareranno sul campo, scoprendo gli affascinanti meccanismi usati nei malware reali, le vulnerabilità nel software, e le tecniche di difesa e di hacking etico più efficaci”.

L’intento del progetto, spiega invece il professor Roberto Baldoni, direttore del Laboratorio Nazionale Cybersecurity del CINI “è formare nuove generazioni di innovatori nell’ambito della cybersecurity per colmare in parte il gap esistente di esperti in ambito industriale, governativo e di ricerca in un mondo dove il cyberspace sta diventando elemento strategico di business. CyberChallenge.IT nasce a Roma, ma a partire dal prossimo anno intendiamo portarla su più università in modo da aumentare il numero di partecipanti sul territorio nazionale e, possibilmente,  permettere la partecipazione da 16 anni  in modo da fare capire che un talento nascosto dentro di loro può diventare una opportunità di carriera fenomenale”.

Il sito web di riferimento è www.cyberchallenge.it.

Fonte: Cyberaffairs

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai banchi di scuola al pitch. I finalisti del progetto “A Scuola di Startup” a DigithON 2017

Il progetto realizzato da AuLab ha coinvolto per il terzo anno consecutivo studenti delle scuole secondarie superiori. Il team vincitore sarà premiato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Bari e Bat. Abbiamo intervistato Davide Neve, CEO di AuLab

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito