News

Facebook, Microsoft, Twitter e YouTube condividono un database contro il terrorismo

Le 4 big hanno stretto una partnership contro la diffusione di contenuti legati al terrorismo

Facebook, Microsoft, Twitter e YouTube insieme contro il terrorismo. Proprio così. Tecnicamente le quattro big hanno stretto una partnership contro la diffusione di contenuti legati al terrorismo, una Partnering to Help Curb Spread of Online Terrorist Content. Nel dettaglio si tratta di un database condiviso (tra imprese) «con tutte le immagini e i video di reclutamento già rimossi dalle rispettive piattaforme. Mettendo in comune tra noi queste informazioni – fanno sapere da Facebook – potremo usare gli hash condivisi per facilitare l’identificazione di potenziali contenuti terroristici sulle nostre piattaforme». Per “hash” si intende una sorta di impronta digitale dei contenuti. E la privacy? «Nessuna informazione personale identificabile sarà condivisa e i contenuti corrispondenti alla ricerca non saranno rimossi automaticamente» scrivono a Menlo Park. Ogni piattaforma continuerà ad applicare le proprie policy e la propria definizione di contenuto terroristico, decidendo quando rimuovere il materiale, anche sulla base di una corrispondenza con gli hash condivisi. Inoltre sarà garantita la trasparenza e l’accesso agli enti governativi che lo richiederanno. «Ci concentreremo su come coinvolgere altre compagnie in futuro».

Facebook

 

Road to #SIOS17 | Musement: ecco come quattro italiani hanno ripensato al modo di fare vacanza

Tre amici e un’intuizione geniale: storia della startup italiana che ripensa le esperienze di viaggio. In attesa del nuovo StartupItalia! Open Summit di dicembre 2017 intervista a Claudio Bellinzona di Musement, una delle dieci startup finaliste dell’ultimo SIOS

La nuova sneaker di Vivobarefoot è fatta solo con le alghe

L’azienda britannica è pronta a lanciare sul mercato delle calzature anfibie in collaborazione con Bloom Foam. Sono le prime al mondo prodotte a partire dalla vegetazione delle acque inquinate

NotPetya: quando un solo malware è responsabile di miliardi di perdite. I numeri rivelati dalle aziende

I dati pubblicati delle aziende nei rapporti periodici forniscono informazioni sull’impatto del malware. AP Moller-Maersk ha annunciato che l’attacco ha causato perdite per almeno 200 milioni di dollari