News

Facebook, Microsoft, Twitter e YouTube condividono un database contro il terrorismo

Le 4 big hanno stretto una partnership contro la diffusione di contenuti legati al terrorismo

Facebook, Microsoft, Twitter e YouTube insieme contro il terrorismo. Proprio così. Tecnicamente le quattro big hanno stretto una partnership contro la diffusione di contenuti legati al terrorismo, una Partnering to Help Curb Spread of Online Terrorist Content. Nel dettaglio si tratta di un database condiviso (tra imprese) «con tutte le immagini e i video di reclutamento già rimossi dalle rispettive piattaforme. Mettendo in comune tra noi queste informazioni – fanno sapere da Facebook – potremo usare gli hash condivisi per facilitare l’identificazione di potenziali contenuti terroristici sulle nostre piattaforme». Per “hash” si intende una sorta di impronta digitale dei contenuti. E la privacy? «Nessuna informazione personale identificabile sarà condivisa e i contenuti corrispondenti alla ricerca non saranno rimossi automaticamente» scrivono a Menlo Park. Ogni piattaforma continuerà ad applicare le proprie policy e la propria definizione di contenuto terroristico, decidendo quando rimuovere il materiale, anche sulla base di una corrispondenza con gli hash condivisi. Inoltre sarà garantita la trasparenza e l’accesso agli enti governativi che lo richiederanno. «Ci concentreremo su come coinvolgere altre compagnie in futuro».

Facebook

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai banchi di scuola al pitch. I finalisti del progetto “A Scuola di Startup” a DigithON 2017

Il progetto realizzato da AuLab ha coinvolto per il terzo anno consecutivo studenti delle scuole secondarie superiori. Il team vincitore sarà premiato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Bari e Bat. Abbiamo intervistato Davide Neve, CEO di AuLab

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito