News

Facebook, Microsoft, Twitter e YouTube condividono un database contro il terrorismo

Le 4 big hanno stretto una partnership contro la diffusione di contenuti legati al terrorismo

Facebook, Microsoft, Twitter e YouTube insieme contro il terrorismo. Proprio così. Tecnicamente le quattro big hanno stretto una partnership contro la diffusione di contenuti legati al terrorismo, una Partnering to Help Curb Spread of Online Terrorist Content. Nel dettaglio si tratta di un database condiviso (tra imprese) «con tutte le immagini e i video di reclutamento già rimossi dalle rispettive piattaforme. Mettendo in comune tra noi queste informazioni – fanno sapere da Facebook – potremo usare gli hash condivisi per facilitare l’identificazione di potenziali contenuti terroristici sulle nostre piattaforme». Per “hash” si intende una sorta di impronta digitale dei contenuti. E la privacy? «Nessuna informazione personale identificabile sarà condivisa e i contenuti corrispondenti alla ricerca non saranno rimossi automaticamente» scrivono a Menlo Park. Ogni piattaforma continuerà ad applicare le proprie policy e la propria definizione di contenuto terroristico, decidendo quando rimuovere il materiale, anche sulla base di una corrispondenza con gli hash condivisi. Inoltre sarà garantita la trasparenza e l’accesso agli enti governativi che lo richiederanno. «Ci concentreremo su come coinvolgere altre compagnie in futuro».

Facebook

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Alla scoperta delle frontiere digitali della didattica: il 5 maggio c’è l’Edu Day a L’Aquila

Si terrà in Abruzzo la seconda edizione dell’Edu Day di Microsoft, una giornata di formazione e informazione dedicata a insegnanti, animatori digitali e dirigenti scolastici sulle nuove tecnologie digitali per la didattica

Un metodo per stampare in 3D con la polvere di Marte

L’idea quasi fantascientifica della colonizzazione dello spazio ha ispirato i ricercatori della Northwestern University che hanno pensato a un modo per realizzare strumenti necessari alla vita umana con la fabbricazione digitale sfruttando le risorse del suolo extraterrestre

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.