News

Watson for cybersecurity entra in punta di piedi nella realtà di 40 aziende

L’intelligenza artificiale di Big Blue si prepara a sostituire e affiancare gli esperti di cybersecurity aziendale, deve solo finire il suo tirocinio

Raccontano i suoi programmatori che è come un bambino che dopo essere stato a scuola mette in pratica quello che ha imparato, come in un tirocinio. Bella metafora. In effetti Watson, l’intelligenza artificiale di IBM che ha fatto parlare di se per la bravura nel giocare a scacchi e diagnosticare malattie grazie all’analisi iperveloce di milioni di cartelle cliniche, è stato adottato all’interno di una quarantina di realtà aziendali per proteggerle da ogni tipo di minaccia informatica.
NEW YORK CITY, NY- MAY 27: IBM Watson's computer housing case. IBM's Watson computer is best known for winning Jeopardy, unaware of time constraints, while playing against humans. Some of Watson's other features are based in problem solving across many different careers. A demonstration showed how quickly Watson is able to diagnose illnesses, and provided a real life case that took doctors and nurses six days to diagnose, and only ended with the correct diagnosis because a nurse had seen the disease before. Based on symptoms input, Watson was able to correctly diagnose in minutes. The demonstration took place at IBM Watson's New York City, New York office on May 27, 2015. (Photo by Andrew Spear for The Washington Post via Getty Images.)

La notizia è di qualche giorno fa. Si tratta di aziende come Sun Life Financial, SCANA Corporation, Smarttech, e delle università di  Rochester, New Brunswick e il politecnico della California.

All’inizio credeva che la parola Ransomware fosse il nome di una città, adesso, dopo numerose sessioni di machine learning ha imparato che può essere qualcosa di diverso.

Ma non crediate che si sbagliasse, negli Stati Uniti ci sono sette città che portano il nome di Ransom.

A che serve Watson for cybersecurity

Quando sarà maturo e avrà fatto i suoi tirocini nel “mondo reale” della sicurezza aziendale, Watson for Cybersecurity diventerà un prodotto commerciale pronto a dominare il mercato delle sicurezza informatica. Il motivo? Semplice, grazie alla sua capacità di calcolo e di apprendimento l’intelligenza artificiale di Watson sarà in grado di distinguere più velocemente di qualsiasi esperto umano la minaccia informatica da anomalie benigne nel comportamento di reti, operatori e software.

Nelle intenzioni degli strateghi dell’IBM, Watson dovrebbe progressivamente diventare capace di individuare i falsi allarmi che costano molti milioni di dollari alle aziende. Compito importante, visto che secondo un rapporto dell’Istituto Ponemon, più della metà del tempo impiegata dagli addetti di sicurezza viene sprecata in analisi imprecise e falsi allarmi con un costo di almento 25.000 dollari settimanali per azienda.

Uno degli obiettivi di questo training, aveva detto Kevin Shkapinets di IBM, è proprio di “insegnare a Watson a comprendere le informazioni pubblicate in rete che parlano di cybersecurity per individuare connessioni e ricorrenze tali da fornire un’analisi accurata e l’allerta immediato quando serve.”

Diventa sempre più chiaro quindi che Watson, come hanno osservato i giornalisti di Fortune, rappresenta la vera svolta di Big Blue, il gigante informatico americano guidato dalla pugnace Ginni Rometty, verso le aree di business e ricerca del futuro: intelligenza artificiale, cloud e sicurezza.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti