Autodifesa Digitale

A Natale non abbassare la guardia, ecco i consigli da seguire per difenderti dai cybercriminali

Password complesse, doppia autenticazione, backup dei dati e un occhio su pc, tablet e telefonino: il buon senso è la prima linea di difesa dai ladri informatici

A Natale i ladri non vanno in ferie, anzi, durante le vacanze approfittano della distrazione e dell’euforia portata dalle feste per sottrarci dati e dispositivi, password e documenti e farci passare un brutto momento. Sono molti gli utenti che proprio durante le vacanze scoprono di avere il computer bloccato e il conto svuotato, mentre il telefonino non funziona più e persino lo smartwatch non risponde ai nostri comandi.

iot_colour_security

Per questo motivo è bene seguire delle semplici misure di protezione per evitare che le vacanze di Natale e Capodanno si trasformino in un incubo.

Spesso durante un viaggio di vacanza ci portiamo dietro lo stesso computer che usiamo per lavorare o il telefonino personale su cui abbiamo registrato password e accesso a servizi aziendali, ma una situazione che purtroppo si verifica sempre più di frequente è proprio la perdita del telefonino e il furto di tablet e laptop e con essi di tutti i nostri dati, anche di quelli sensibili.

Può inoltre succedere che tali dispositivi vengano compromessi durante una sessione Internet per la quale stiamo sfruttando un wi-fi apparentemente pubblico e sicuro ma che in realtà è sorvegliato da malintenzionati che attraverso di esso possono rubarci dati e password. Lo stesso vale se usiamo i servizi di una postazione condivisa nella hall di un albergo o quando usiamo i computer di un Internet Cafè.

Una recente ricerca di Achab ha evidenziato come sopratutto i più giovani non prendono le adeguate misure di sicurezza per proteggere dati e password.

Password e aggiornamenti

Perciò mentre ricordiamo che la prima linea di difesa della nostra vita oltre lo schermo è costituito da password robuste e complesse, e non dal nome dei figli o della propria data di nascita – è importante seguire poche semplici regole per mettere al sicuro il nostro avatar digitale.
Intanto la prima cosa da fare è garantire la piena funzionalità degli strumenti e proteggerli dal rischio virus e malware, sopratutto dai cryptovirus che agiscono come ransomware, una delle minacce più frequenti. Quindi:

  1. Impostare una password di accesso in modo da garantire che anche in caso di furto o perdita i propri dati non siano accessibili a terzi
  2. Aggiornare costantemente le password personali (meglio una lunga sequenza casuale di numeri e lettere)
  3. Usare la doppia autenticazione per accedere ai dati (anche Gmail e Telegram lo consentono)

Sistema Operativo, browser e app

Gli attaccanti approfittano spesso di falle di sicurezza originate dagli stessi produttori del software che fa usiamo attraverso i nostri dispositivi, perciò:

  1. Aggiornare sempre il proprio sistema operativo (gli aggiornamenti risolvono falle di sicurezza e migliorano le funzionalità dei dispositivi)
  2. Aggiornare regolarmente software e applicazioni per colmare falle e lacune del software
  3. Utilizzare le versioni più recenti dei browser per navigare tra i siti preferiti

Antivirus e backup

Spegnere il router casalingo ed eseguire un salvataggio dei dati prima della partenza. Il backup è un’importante misura preventiva per non rischiare di perdere i propri dati in caso di attacchi da parte di pirati informatici o in caso di perdita dei propri dispositivi in viaggio. Mantenere il software antivirus sempre aggiornato anche sui dispositivi mobili e nel caso di quelli a pagamento verificare che l’abbonamento per utilizzarlo sia in corso. Quindi:

  1. Installare un buon antivirus e tenerlo sempre aggiornato
  2. Effettuare regolarmente un backup dei propri dati
  3. Impostare un sistema di recupero dei dati in caso di perdita o compromissione
  4. Eliminare le email di sconosciuti, e filtrare anche quelle di chi conosciamo eliminando file eseguibili e script dagli allegati

Il buon senso spesso è sufficiente

Non c’è niente di meglio che una buona dose di buon senso per proteggere i propri dispositivi, ma lo stesso va esercitato quando si naviga in rete, si scarica un software, si mette il telefono nella mani di un bambino. Perciò la prassi da seguire è:

  1. Mettere i propri dispositivi in cassaforte quando non si usano (anche in spiaggia o sulle piste da sci)
  2. Tenere sott’occhio i dispositivi in tutti i luoghi pubblici
  3. Non condividere i nostri dispositivi con altri
  4. Controllare l’uso che ne fanno i più piccoli
  5. Eliminare dai dispositivi dati sensibili in chiaro come password, numeri IBAN, codice fiscale
  6. Fare attenzione ai siti web da visitare e scaricare app e software solo da siti certificati e sicuri
  7. Verificare la proprietà e la sicurezza di connessioni Wi-Fi pubbliche gratuite. Anche quando hanno un nome riferibile al posto in cui state ricordate che “Hotel” non è per forza la rete wi-fi del vostro albergo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai banchi di scuola al pitch. I finalisti del progetto “A Scuola di Startup” a DigithON 2017

Il progetto realizzato da AuLab ha coinvolto per il terzo anno consecutivo studenti delle scuole secondarie superiori. Il team vincitore sarà premiato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Bari e Bat. Abbiamo intervistato Davide Neve, CEO di AuLab

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito