News

Trump si prepara alla guerra cibernetica con un ordine esecutivo (trapelato grazie al Washington Post)

Il segretario della Difesa con il Dipartimento della Sicurezza Nazionale e i servizi segreti avranno il compito di individuare i nemici e stabilire le procedure di reazione informatica

Il presidente americano Donald Trump starebbe preparando un ordine esecutivo che chiede una revisione su larga scala della sicurezza informatica nazionale. A riportarlo è il Washington Post, che ha pubblicato anche una bozza del documento.

Trump_Republicans_10234.jpg-0b9cb

“Un uso gratuito e sicuro del cyberspazio è essenziale per far progredire gli interessi nazionali degli Stati Uniti. Internet è una risorsa nazionale vitale. Il cyberspazio deve essere un ambiente che favorisca l’efficienza, l’innovazione della comunicazione e la prosperità economica senza interruzioni, frodi, furti o violazioni della privacy”, si legge.

La Casa Bianca non ha confermato se il rapporto sia autentico o se assomigli a progetti o ordini esecutivi finalizzati a questi obiettivi e attualmente pendenti.

L’executive order trapelato grazie al Washington Post

Secondo il documento del Post, Trump affiderà a un team guidato dal segretario alla Difesa – e composto anche dai capi del Dipartimento di Homeland Security e della National Intelligence – di produrre – in 60 giorni – rapporti sulla sicurezza dei sistemi di difesa e delle infrastrutture critiche.

Lo stesso gruppo dovrebbe redigere una relazione sui “principali avversari informatici” nello stesso tempo, con la National Intelligence a fare da guida.

L’ordine riportato include anche una revisione delle capacità operative e di reazione, come pure un riferimento a programmi di incentivi per il settore privato per incoraggiare migliori pratiche di sicurezza.

Fonte: Cyberaffairs

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Exit per Tilt, l’app di social payment comprata da Airbnb per 12 milioni

Airbnb ha versato 12 milioni in cash nelle casse startup che facilita lo scambio di soldi tra persone via mobile, ma tra decine in bonus per i fonunders e scambi di quote l’ammontare totale dell’operazione ammonterebbe a 60 milioni

«Più sei popolare su Facebook più ti facciamo risparmiare su quello che compri»

Il potere degli influencer applicato all’eCommerce: fare un post su Facebook dicendo cosa compri può valere dai 5 ai 10 euro. E’ l’algoritmo della startup italiana Worldz. Dopo il round da 150K abbiamo intervistato il founder e Ceo, Joshua Priore

Disney ha acquisito MakieLab, la startup della prima bambola stampata in 3D

MakieLab dal 2012 produce giocattoli con la fabbricazione digitale. La famosa casa di intrattenimento per bambini l’aveva già accolta nel suo programma di accelerazione nel 2015 e ora ne assorbirà tecnologia e piattaforma

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era