News

ReCaptcha: Google ha deciso di usare l’intelligenza artificiale per fermare spammer e bots

Big G manda in pensione il captcha, meccanismo di verifica di accesso ai servizi web, con nuovi controlli automatizzati e invisibili all’utente

 

Google farà a meno dei captcha, il test di domande e risposte che serve a determinare se l’utente sia un umano o un software (un bot).


Il captcha, nato come meccanismo di controllo sul web che chiede di digitare lettere e numeri all’interno di un box grafico per farci accedere a un servizio web, era stato recentemente rimpiazzato da molti siti con un box di carattere visuale che chiedeva di individuare quale fotografia presentata fosse un negozio per dimostrare di essere una persona e non un computer, adesso va in pensione grazie a Google Brain.

ReCaptcha per ingannare i “bot”

Il meccanismo di verifica, non sempre facile da utilizzare per un lìvello di difficoltà necessario a tenere a bada i computer si è spesso dimostrato complesso da superare anche per gli umani che spesso lo sbagliano, portandoli talvolta a rinunciare a visitare le pagine web del servizio cercato. Il codice alfanumerico da inserire infatti è in genere offuscato e di non immediata comprensione e nel caso del test visuale, adotta diversi trucchi per trarre in inganno i bot per mettere alla prova conoscenze cognitive più fini che i robosoftware non dovrebbero avere.

Tuttavia, oggi che i “bot” sono sempre più sofisticati ed evolvono da incursioni successive, per superare i captcha e portare ad esempio un attacco di tipo DDoS su servizi web, Google ha deciso di rendere il test “invisibile”, con un sistema basato sul machine learning.

Ecco il video-tutorial del ReCaptcha

Il metodo, presentato intorno alla metà del 2016 si chiama “Invisible reCaptcha“, e sfrutta l’intelligenza artificiale, per “un’analisi avanzata del rischio che si adatta a minacce nuove ed emergenti”, come Google chiarisce in questo video di presentazione.

Invisible reCaptcha analizza pertanto l’indirizzo IP, i movimenti del mouse, e altri parametri per stabilire se una determinata richiesta a un sito web provenga da una persona o da un bot.

In caso di dubbio all’utente viene chiesto di “autenticarsi” con un click.

Galaxy Note 8, tutte le notizie prima del lancio

Dopo la sfortunata storia del Note 7, quest’anno Samsung spera di bissare il successo del Galaxy S8. Con un terminale munito di pennino e accessori omaggio per chi prenota subito

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Android 8.0, nome in codice: Oreo

Rispettata la tradizione dei dolcetti anche nella nuova release del sistema operativo mobile di Google. Che porta in dote novità per velocità e sicurezza

Zooppa lancia il primo contest per video VR a 360°. Ecco come partecipare

C’è tempo fino al 16 ottobre, saranno selezionati i migliori video promozionali o di storytelling girati con tecnologia 360° e della durata massima di 120 secondi
Garmin è partner tecnologico dell’iniziativa e mette in palio 5 Camere VIRB 360

DevSecOps: lo sviluppo software agile attento alla sicurezza

Sviluppatori, esperti di sicurezza, reparto IT: tutti devono collaborare per creare software davvero sicuro. Un concetto che si concretizza nel DevSecOps, un modo moderno e veloce per arrivare dall’idea alla produzione senza correre rischi