Autodifesa Digitale

Se possiedi un computer Mac, un telefono Android e sei laureato, rischi di essere derubato

Una ricerca dimostra che l’eccesso di fiducia è alla base dei furti d’identità. Ecco i suggerimenti per proteggere i propri dati

Un’eccessiva confidenza nelle proprie capacità fa abbassare le difese. E quando le difese sono basse, gli attaccanti riescono a penetrarle più facilmente. Questo è quello che emerge da uno studio di CBT Nuggets – azienda americana che si occupa di formazione informatica – su circa 2000 utenti statunitensi.

La categoria più a rischio sembra essere quella dei possessori di Mac e Android, laureati e della generazione X. E il rischio è quello del furto di identità facilitato dall’uso di password banali, certo, ma soprattutto dalla cattiva abitudine di usare la stessa password per servizi diversi.

I fan della mela più a rischio degli altri

Nel dettaglio, secondo la ricerca emerge che chi utilizza i computer Mac della Apple, sarebbe più esposto del 22% a rischi di sicurezza rispetto a chi utilizza abitualmente Windows, il sistema operativo Microsoft. Chi utilizza il sistema operativo di Google, Android, ha il 4,3% in più di possibilità più di essere attacco con successo rispetto a chi possiede un iPhone.

Ma non sembra trattarsi tanto di una questione tecnologica: il dato allarmante è che l 18% dei ‘nerd’ è più a rischio degli altri. Il motivo? Un eccesso di sicurezza nelle proprie capacità che porta a ignorare le regole base della sicurezza informatica. Soltanto il 6% dei cosiddetti “smanettoni” utilizza parole chiave uniche rispetto a chi non si sente un esperto.

I laureati stanno meno attenti di altri alla sicurezza informatica

La ricerca inoltre evidenzia che chi è in possesso di laurea, master o dottorato è molto più esposto a rischi online dei diplomati. Mentre, i più sprovveduti sembrerebbero quelli della cosiddetta Generazione X, i nati tra il 1965 e il 1980. Le donne, infine, sono il 14% più esposte degli uomini.

Sescono CBT Nuggets (https://www.cbtnuggets.com/) il 65,9% del campione ritiene il furto di dati personali un rischio medio o grande; ma solo il 3,7% ammette di seguire le raccomandazioni più semplici. Che invece indichiamo qui:

Password e aggiornamenti

La prima linea di difesa è costituita da password robuste e complesse, e non dal nome dei figli o della propria data di nascita, quindi è importante:

  1. Impostare una password di accesso in modo da garantire che anche in caso di furto dei dispositivi digitali o di perdita i propri dati non siano accessibili a terzi
  2. Aggiornare costantemente le password personali (meglio una lunga sequenza casuale di numeri e lettere)
  3. Usare la doppia autenticazione per accedere ai dati (Gmail e Telegram lo consentono)

Sistema Operativo, browser e app

Gli attaccanti approfittano spesso di falle di sicurezza originate dagli stessi produttori del software che usiamo, perciò si consiglia di:

  1. Aggiornare sempre il proprio sistema operativo (gli aggiornamenti risolvono falle di sicurezza e migliorano le funzionalità dei dispositivi)
  2. Aggiornare regolarmente software e applicazioni per colmare falle e lacune del software
  3. Utilizzare le versioni più recenti dei browser per navigare tra i siti preferiti

Antivirus e backup

Mantenere il software antivirus sempre aggiornato anche sui dispositivi mobili. Quindi:

  1. Installare un buon antivirus e tenerlo sempre aggiornato
  2. Effettuare regolarmente un backup dei propri dati
  3. Impostare un sistema di recupero dei dati in caso di perdita o compromissione
  4. Eliminare le email di sconosciuti, e filtrare anche quelle di chi conosciamo eliminando file eseguibili e script dagli allegati

Ricorrere al buon senso

Altro suggerimento generale è di adoperare il buon senso quando si naviga in rete, si scarica un software, si mette il telefono nella mani di un bambino. La prassi da seguire è:

  1. Eliminare dai dispositivi dati sensibili in chiaro come password, numeri IBAN, codice fiscale
  2. Fare attenzione ai siti web da visitare e scaricare app e software solo da siti certificati e sicuri
  3. Verificare la proprietà e la sicurezza di connessioni Wi-Fi pubbliche gratuite. Anche quando hanno un nome riferibile al posto in cui state ricordate che “Ristorante” non è per forza la rete wi-fi del luogo dove siete seduti a mangiare.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti