Privacy

5 cose decise in Usa che azzerano anche la nostra privacy

Il Congresso Usa ha votato una legge che consente di rivendere a terzi tutti i dati di navigazione ribaltando le regole volute da Obama

Se ti conosco, posso offrirti quello che già desideri. E farlo nel momento in cui lo vuoi o lo cerchi. E scordati la privacy. Questa in sintesi è la logica del direct marketing online, il marketing diretto su Internet. Offrire al cliente quello che è più propenso a desiderare è oggi molto più facile di prima grazie alla scienza dei big data e ai sistemi di profilazione online.

Il mercato dei dati personali che fa gola agli ISP

Dati personali come l’email, il numero di telefono o l’indirizzo di casa, dati sensibili come l’appartenenza politica, religiosa e sindacale, informazioni sull’orientamento sessuale, i dati sanitari, sono protetti dalle leggi sulla privacy, ma da oggi sempre di meno, perché gli Internet Service Provider americani saranno autorizzati a rivendere a terzi quel tesoretto di informazioni unito ai nostri dati di navigazione: dove ci siamo connessi per quanto tempo, con quali strumenti.

La decisione del Congresso americano di abolire la privacy per legge

Negli Usa la Camera dei rappresentanti ha azzerato le tutele della privacy su internet per gli operatori di connettività, gli Isp. 215 voti a favore contro 205 contrari hanno ribadito la decisione già presa al Senato con un margine risicatissimo (50-48), aprendo la strada alla deregolamentazione di Internet con effetti globali. La decisione riguarderà tutti visto che molti siti e servizi che usiamo nel nostro paese sono ubicati negli Usa e quindi soggetti solo alla regole di quel paese. E la cosa grave è che aziende come Verizon, AT&T, Comcast non avranno bisogno di ottenere il consenso dei propri utenti per vendere alle agenzie di marketing tutte le informazioni che collezionano dalle nostre navigazioni. Pensate cosa accadrà quanto Google porterà la connettività in tre quarti del pianeta.

Le 5 cose che gli ISP potranno fare d’ora in avanti

Perciò d’ora in avanti i provider potranno fare 5 cose che già facevano prima di nascosto senza essere più esposti alle lamentele e alle class action dei loro clienti.

1. Iniettare cookies di tracciamento invisibili e non cancellabili in tutto il traffico HTTP

Anche con la navigazione in Incognito o in Private Browsing, quando usiamo un tracker-blocker, o abbiamo la funzione Do-Not-Track accesa potranno inserire un unico identificatore (li chiamano anche supercookies) in tutto il traffico non cifrato col risultato di tracciare in dettaglio tutta la navigazione.

2. Preinstallare software nel telefonino e registrare ogni url visitata

Potranno preinstallare negli smartphone nuovi di zecca un software che traccia l’uso di ogni app, la visita dei siti web e farsi mandare questi dati dai venditori dei telefonini o delle app preinstallate.

3. Spiare tutto il traffico e inserire la pubblicità

Gli Isp potranno ispezionare ogni pacchetto di dati, costruire un profilo di chi si connette ma anche inserire della pubblicità personalizzata durante la navigazione.

4. Reindirizzare le ricerche online

Una volta inserita una parola chiave nel motore di ricerca l’ISP potrà verificare se appartiene alla lista di aziende che hanno pagato per aumentare il traffico e in questo caso potrà redirigere la ricerca verso il sito dell’azienda pagante invece di mostrare la lista di tutti i risultati.

5. Vendere i tuoi dati agli esperti di marketing

Unendo dati telefonici ad altre informazioni, come la browsing history, è possibile informare le aziende delle scelte fatte affinché possano offrire prezzi più competitivi di quelli trovati finora. Queste profilazioni infatti dicono quanti anni hanno gli utenti, se sono maschi o femmine e anche in quale zona commerciale si recano per fare acquisti in un certo range temporale.

Che fare di fronte alla sorveglianza commerciale di massa?

Le associazioni per i diritti digitali e le libertà civili mettono in guardia contro questa ennesima violazione della privacy degli utenti di Internet, senza avere armi per contrastarla visto che la decisione manda in soffitta il regolamento della Federal Trade Commission (FCC). Inoltre, la Commissione che sotto l’impulso di Obama aveva stabilito un regolamento volto ad applicare norme più severe per la privacy online, non potrà più riproporlo.

C’è da aggiungere però che il rischio di essere tracciati ed esposti alle pratiche di cui sopra si riduce quando usiamo network cifrati. Oggi circa la metà del web è sotto https, un protocollo cifrato per il trasferimento dei dati che previene la possibilità che terze parti possano spiare le nostre navigazioni rendendo perfino gli ISPs “ciechi” rispetto a quello che facciamo online anche se sapranno sempre e comunque qual è la destinazione del nostro browser.

E poi ci sono ancora le Vpn, le Virtual private networks, le reti private virtuali, gratutite o a pagamento che possono mascherare le nostre attività di fronte agli ISP.
Ma c’è poco da stare tranquilli, Google, Facebook & Co. Hanno da tempo implementato sistemi molto più massivi di raccolta e analisi dei nostri dati di navigazione e per questo gli Isp hanno voluto e ottenuto la loro fetta della torta (pubblicitaria).

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)