Autodifesa Digitale

Il dispositivo che protegge le informazioni del tuo PC. Secure-K

Al Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia Festival anche Mon-K, scale-up basata a Londra e Milano: in programma un panel sulla protezione di dati e la presentazione del suo dispositivo USB per la sicurezza

Una panoramica sugli strumenti digitali e sulle strategie per gestire la protezione dei dati e delle fonti sia nell’ambito del giornalismo di guerra sia in quello del giornalismo investigativo d’inchiesta, in un contesto, quello odierno, in cui le soluzioni di tutela dalle violazioni della privacy sono sempre più necessarie. Questi i temi al centro del panel Protezione di dati e fonti nell’era dei cyber attacchi: strumenti digitali al servizio del giornalismo, in programma l’8 aprile, alle 18, presso il Centro Servizi G. Alessi in via Mazzini 9 a Perugia, nel corso della XI edizione del Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia. Nel corso del panel, organizzato da Mon-K, scale-up con sede a Londra e Milano, Daniele Raineri, inviato de Il Foglio in Iraq, Siria e Yemen, porterà l’esperienza nella gestione dei dati e delle fonti nelle aree di conflitto nell’ambito del giornalismo di guerra. Mentre Fabio Chiusi, giornalista freelance (Repubblica, L’Espresso, Wired) e blogger (Chiusi nella Rete, ilNichilista), analizzerà il tema della sorveglianza su Internet, dei rischi di cyber-security per i giornalisti nell’ambito delle indagini e della protezione delle informazioni. Il panel sarà moderato da Marco Viviani, giornalista freelance che si è occupato per Webnews.it di Webtax, Cookie Law, SPID, Datagate e delle proposte politiche in Italia per regolamentare Internet.

Mon-k

Il dispositivo USB Secure-K

Informazioni riservate in mobilità

Nel corso di IJF17, Mon-K mostrerà la soluzione creata per i professionisti che gestiscono informazioni riservate in mobilità. Secure-K Personal è un dispositivo USB che trasforma qualsiasi PC, da quello di un internet cafè a quello utilizzato dal proprio figlio, nel proprio computer personale, in totale sicurezza e senza lasciare traccia nel PC che si utilizza. Basta inserire la chiavetta nella porta USB di un qualsiasi personal computer, anche obsoleto, e digitare il codice PIN (da 8 a 15 cifre) per sbloccare il dispositivo ed effettuare il boot per avviare il sistema operativo Secure-K OS, che userà il PC come semplice hardware di avvio: il sistema operativo lanciato da Secure-K e l’ambiente presente nel computer sono reciprocamente isolati e Secure-K OS non lascia traccia di utilizzo nel PC. In più, per agevolare e la gestione di dati confidenziali, Secure-K OS è dotato di TOR e di servizi di comunicazione come email e instant messaging crittografati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Banca etica stanzia 90K per progetti di promozione culturale (per il crowdfunding)

Fino al 26 maggio è possibile partecipare alla selezione di 15 progetti da inserire sulla piattaforma di Produzioni dal Basso. Il bando è aperto a proposte di produzioni culturali che promuovono la sostenibilità sociale, ambientale o nuove forme di cittadinanza attiva

Ocean Cleanup ripulirà il Pacifico dalla plastica a partire dal 2018

La startup di Boyan Slat ha implementato una barriera galleggiane in grado di concentrare tutto l’inquinamento plastico e permetterne il recupero. Il sistema sarà impiegato nel Great Pacific Garbage Patch, uno dei più consistenti accumuli di immondizia marina al mondo

Impact Hub Milano cerca 5 startup a impatto sociale. IHM Acceleration

Fino al 25 giugno l’incubatore milanese concentrato sull’impact investing seleziona i cinque migliori progetti d’impresa nel campo dell’impatto sociale e ambientale e beneficiare di risorse in denaro e servizi in cambio di equity