Tecnologia

Il nuovo servizio di Swift per il controllo dei pagamenti in tempo reale

La nuova soluzione è un elemento chiave del Customer SecurityProgram dell’azienda per aumentare i livelli di sicurezza e fiducia all’interno della comunità finanziaria

Un nuovo servizio per il controllo in tempo reale dei pagamenti, creato per integrare e rafforzare i controlli anti-frode già utilizzati dai clienti. A svilupparlo Swift, azienda che si occupa di servizi per la messaggistica in campo finanziario (ha sviluppato anche una piattaforma per lo scambio di informazioni finanziarie).  Il nuovo servizio per la prevenzione di frodi e reati informatici permetterà sia di analizzare i messaggi di pagamento secondo parametri da loro stessi stabiliti che di identificare tempestivamente i flussi anomali prima della trasmissione.

swift

Rafforzare i controlli anti-frode esistenti

«Il nuovo servizio per il controllo dei pagamenti  – ha spiegato Yawar Shah, Chairman di Swift – è una risposta diretta alla richiesta della nostra comunità di nuovi servizi volti a rafforzare i controlli anti-frode giIl nuovo servizio di Swift per il controllo dei pagamenti in tempo realeà esistenti. Con lo sviluppo di nuovi prodotti come questo, e attraverso il Customer Security Program nel suo complesso, Swift sta dimostrando il proprio impegno nel fornire soluzioni innovative, condivise dalla comunità e capaci di migliorare sensibilmente la gestione del rischio nei pagamenti transfrontalieri». Per Luc Meurant, Head of Financial Crime Compliance Services di Swift «la lotta contro le frodi e i reati informatici sono una priorità assoluta per Swift e i suoi clienti. Il nostro servizio per il controllo dei pagamenti rappresenta un passo importante verso la realizzazione di una gamma completa di servizi in hosting che soddisfino le esigenze dei nostri clienti sia in fatto di prevenzione frodi e cyber-crime, sia in ambito Sanzioni, Know Your Customer (KYC) e Anti-Money Laundering (AML) ».

Come funziona

I clienti potranno integrare il servizio all’interno dei propri flussi di messaggistica Swift. Questo permetterà un miglioramento dell’attività di monitoraggio della messaggistica, permettendo di individuare rapidamente schemi di pagamento anomali, migliorando la capacità complessiva di prevenire richieste di trasferimento fraudolente. I clienti avranno la possibilità di definire i parametri di analisi dei messaggi in base alle proprie politiche di rischio e compliance, e decidere se autorizzare il controllo delle segnalazioni a livello centrale o in specifici punti di accesso.

A chi è rivolto

Il servizio, rivolto in un primo momento a istituzioni finanziarie di piccole dimensioni e a banche centrali, sarà offerto come soluzione in hosting. In questo modo gli utenti Swift potranno accedervi istantaneamente, senza necessità d’installazione di alcun hardware o software e senza il bisogno di manutenzione. Il servizio svilupperà il profilo dei flussi di messaggi di ciascun utente Swift tenendo conto dell’attività svolta, della posizione geografica, e delle controparti e valute solitamente impiegate. Il lancio del nuovo servizio di controllo dei pagamenti segna una tappa del Customer Security Programme (CSP) di Swift, lanciato a maggio 2016, sotto la supervisione del board di Swift e ideato per rafforzare e migliorare la sicurezza dell’attività bancaria.

Tecnologia solidale, le iniziative di crowdfunding per i terremotati del Centro Italia

Un aiuto subito, Marchecraft, Adesso pedala. Sono alcune delle iniziative pensate per sostenere le popolazioni colpite dal terremoto del 24 agosto 2016 e che hanno già permesso i primi interventi di ricostruzione ad Amatrice e Norcia

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti

Le finaliste di .itCup2017: con EasyTax Assistant affrontare le tasse non fa più paura

Un’applicazione mobile che segue il contribuente nella gestione della propria fiscalità. Il segreto: informazioni e strumenti semplici da utilizzare. Dopo soli 2 mesi gli utenti sono già 1700 e ora la statup è in finale nella competizione di Registro.it