News

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.

Diversi Stati membri dell’Unione europea e della Nato hanno dato il via libera all’istituzione di un centro a Helsinki per la ricerca su come affrontare attacchi informatici, propaganda e disinformazione online.

Tomo Soini

Il memorandum d’intesa è stato firmato finora da Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Germania, Svezia, Polonia, Finlandia, Lettonia e Lituania, mentre è previsto che altri Paesi si aggreghino nel mese di luglio.

La nazione ospitante, la Finlandia – Paese dell’Ue partner ma non membro effettivo dell’Alleanza Atlantica, confina per 800 miglia con la Russia, accusata di aver interferito (o di volerlo fare) nella vita democratica di diversi molti Stati occidentali.

Il centro avrà sede a Helsinki e formerà una rete di esperti dei Paesi partecipanti. Una prima riunione del gruppo direttivo si è tenuta mercoledì scorso. Per la fine dell’anno si prevede che il centro conterà su un team di dieci persone.

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.

Il budget annuale a disposizione del centro è stato inizialmente fissato a circa 1,5 milioni di euro, forniti per metà dalla Finlandia e per il resto dagli altri Paesi aderenti.

Fonte: CyberAffairs

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Arriva dal vino la pelle naturale che non sfrutta gli animali

WineLeather è vegetale al cento per cento ed è ricavata dalla vinaccia. L’idea sviluppata da Gianpiero Tessitore e Francesco Merlino rappresenta un’occasione di rilancio per il settore conciario italiano all’insegna della sostenibilità e del cruelty-free

Più bike sharing, meno stazioni di parcheggio. Shike, il progetto di MugStudio (SocialFare)

Andrea Tommei e Andrea Cantore hanno sviluppato un progetto di bike sharing innovativo, che permette ai cittadini di non servirsi delle classiche stazioni. Shike è tra le 5 aziende selezionate per Foundamenta#3, il programma di accelerazione per startup a impatto sociale