Sicurezza

Wannacry: un attacco “di proporzioni mai viste” sventato per caso

L’Europol l’ha definito un attacco senza precedenti. Gli autori hanno chiesto 300 dollari da pagare con carta di credito o bitcoin per ciascun computer bloccato

Fermare un attacco hacker per caso. Una storia che ha dell’incredibile quella che ha coinvolto un ricercatore di sicurezza informatica che in modo a quanto pare del tutto accidentale è riuscito a bloccare la diffusione a macchia d’olio di Wannacry. L’hacker, conosciuto su  Twitter come @malwaretechblog grazie anche all’aiuto del collega  Darien Huss, ha attivato una sorta di pulsante di autodistruzione contenuto all’interno del virus.

L’attacco in più di 90 paesi

L’attacco sferrato nella giornata di venerdì secondo molti è stato “un attacco di proporzioni mai viste”. Kaspersky Lab e Avast  hanno registrato più di 45mila attacchi in 74 nazioni, incluse Russia, Cina, Italia, India, Egitto e Ucraina. I Paesi colpiti in realtà potrebbero essere oltre 90, Italia compresa. L’Europol, agenzia dell’Unione europea impegnata nel contrasto alla criminalità,  ha parlato di “attacco senza precedenti che richiede indagini internazionali”. Tra i più coliti c’è stato il sistema sanitario del Regno Unito dove gli ospedali sono entrati in tilt Uno dei più colpiti, in termini di conseguenze, è stato il Regno Unito dove il “colpo” informatico ha mandato in tilt diversi ospedali.

Anche la Russia è stata colpita

Il ministero dell’Interno russo ha reso noto di essere stato colpito da un cyberattacco. La portavoce del ministero dell’Interno russo, Irina Volk, citata dalle agenzie di stampa russe, ha precisato che i cyberattachi hanno colpito circa mille computer, ma che i server del ministero sono rimasti indenni. Volk ha aggiunto che gli esperti del ministero stanno lavorando per riprendere in mano la situazione e aggiornare le procedura di sicurezza.

In Italia

L’attacco si è diffuso anche negli Usa, Cina, Vietnam, Taiwan e altri Paesi. Per quanto riguarda l’Italia sono state diffuse immagini che mostrano i computer del laboratorio di una università bloccati dal programma di ransomware. La Polizia postale sta monitorando gli effetti dell’attacco, ma al momento, per il nostro Paese, “non si segnalano situazioni di criticità”.  Per difendersi, “si consiglia l’installazione della patch MS 17-010, rilasciata da Microsoft il 17 marzo, e quella del 9 maggio”.

Ransomeware con riscatto in bitcoin

Il ‘ransomware’ è un virus malevolo che prende “in ostaggio” computer e smartphone e, proprio come in un rapimento, i cybercriminali chiedono agli utenti un riscatto in denaro per poter rientrate in possesso dei propri dati. WannaCry, sfrutta una falla di un protocollo per la gestione condivisa dei file nei sistemi operativi Windows, battezzata EternalBlue. Lo scorso marzo Microsoft ha diffuso un aggiornamento per rimediare ma tutti i computer che non sono stati aggiornati sono rimasti vulnerabili. Nell’ultimo anno ha visto un balzo del 50%, oltre a colpire gli utenti comuni, il ‘ransomware’ mette sotto scacco anche istituzioni, uffici e strutture pubbliche.

 

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti