immagine-preview

Apr 16, 2019

Cybercity Chronicles, il primo videogioco sviluppato dai nostri Servizi Segreti

L’iniziativa nasce nell’ambito della campagna “Be Aware Be Digital” promossa dalla Sicurezza Nazionale, volta a sensibilizzare gli studenti italiani all’uso corretto e consapevole di Internet, dei social media e delle nuove tecnologie

Character design nipponico, ma software interamente italiano. È il nuovo videogioco Cybercity Chronicles, la prima app di edutainment ambientata nel cyberspazio, già liberamente scaricabile. Un’iniziativa che dal Governo definiscono “senza precedenti” sviluppata e promossa dal Dipartimento delle informazioni per la sicurezza (DIS) della Presidenza del Consiglio, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Alla presentazione anche il premier

La presentazione di Cybercity Chronicles è avvenuta questa mattina presso l’Istituto Comprensivo Regina Margherita di Roma, alla presenza, tra gli altri, del Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte. Per AESVI, l’associazione di categoria che riunisce produttori e sviluppatori del Paese, è intervenuto il Presidente Marco Saletta.

Leggi anche: La classifica dei malware più diffusi e come difendersi dagli attacchi

L’iniziativa nasce nell’ambito della campagna “Be Aware Be Digital” promossa dalla Sicurezza Nazionale e volta a sensibilizzare gli studenti italiani – ma anche i professori e le famiglie – all’uso positivo, corretto e consapevole di Internet, dei social media e delle nuove tecnologie.

 

Che cos’è Cybercity Chronicles

Si tratta di una action adventure in stile “cyber-classic”. La storia riprende il mito di Teseo e Arianna, riadattato in un’ambientazione cyberpunk. Ci troviamo nel 2088. Cybercity è la prima città immaginaria del mondo dove l’innovazione tecnologica si è così evoluta al punto da mutare la vita, le abitudini e le interazioni sociali dei suoi cittadini. Finché le meraviglie della rivoluzione digitale hanno cominciato a far emergere anche i primi rischi.

Dietro questo disordine c’è la mano dello spregiudicato Asterio Taur, CEO dell’omonima Taur Corp, assetato di potere, e diventato Governatore di Cybercity grazie all’uso criminale della rete e dei sistemi infrastrutturali della città.

Leggi anche: Xenon Racer: il Wipeout italiano sfreccia su console e PC. Intervista agli sviluppatori

Tocca ai giovani agenti Tes e Diana, del Cybercity Security Department (CSD), mettere in sicurezza la città, e, grazie all’aiuto dell’assistente olografica Ar.I.A.N.N.A. (Artificial Intelligence & Augmented Neural Network Assistant), sconfiggere Asterio Taur. L’uscita dal labirinto è rappresentata dalla messa in sicurezza della città e dalla restituzione della libertà digitale a tutti i cittadini di Cybercity.

Il gioco contiene sfide da affrontare, ricerca di amici con cui consigliarsi, nemici da combattere ed enigmi da risolvere attraverso mini-game.

Leggi anche: Videogiochi, il mercato italiano vale circa 2 miliard

“Un’avvincente sfida da combattere con l’ingegno, la conoscenza e prototipi di armi cibernetiche per neutralizzare Mr. Spam, Rambot, Fisher, Troll, H4t3r, Flamer o Rocky Zoom, le minacce disseminate lungo i vicoli della città-labirinto”.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter